IE

Torno a scrivere di questo argomento sperando di farvi aprire gli occhi sulla reale situazione dei browser. Stiamo parlando dell’ormai storico confronto tra Internet Explorer, Mozilla Firefox e Google Chrome. Non cito Safari, le cui prestazioni lasciano molto a desiderare in ambiente Windows.

IE

Il punto è il seguente: perché scegliere un browser invece che un altro? Quali sono i veri motivi della scelta? Risparmiatemi le tipiche risposte “perché è più veloce”, “perché tutti usano quello!” (pensiero largamente diffuso) o “perché mi sento cool”, oppure “Internet Explorer fa schifo!”.

Parliamo di fatti. Su svariati siti di tecnologia, conosciuti e non, sono presenti i famosi Benchmark, nome dal significato sconosciuto ai più, ma che incute notevole terrore negli informatici alle prime armi (o nei navigatori dei web che si ritengono fighi). Tali individui saltano le 15 pagine di benchmark, leggendo solo la conclusione: Chrome si dimostra superiore. Ragionamento medio: “Ok, metto Chrome perché i benchmark dicono che è superiore”.

In realtà, sarete sconvolti dal sapere che Internet Explorer, la lumaca tanto presa in giro, il Norton Antivirus 2003 dei browser (anche questa infamia verso Norton è oggi infondata), fa parecchie cose, le fa bene, e alcune le fa anche meglio di Chrome. Forse su qualche pagina, tra le 15 che avete saltato, c’è effettivamente scritto. Stiamo parlando di Internet Explorer 9 (da qui in avanti, IE): è dalla versione 8 alla 9 che è stato fatto il salto di qualità. Per non parlare di IE10, ancora migliore, ma disponibile solo per Windows 8 e installabile su Windows 7. IE è integrato nel sistema operativo, aggiornato via Windows Update, e veloce. Avete a disposizione il browser probabilmente più sicuro, già installato in Windows, dalla grafica accattivante, e in grado di fare praticamente tutte le cose di cui avete realmente bisogno, a ricordarvi che Microsoft scrive, e negli ultimi tempi lo ha dimostrato, buon codice.

Per un utilizzatore normale del web, IE10 è più rapido di Chrome e Firefox. Nell’avvio da freddo non ha rivali (lo dicono i benchmark…) ed è compatibile con tutti quei siti i cui proprietari non hanno letto i benchmark e messo Chrome. Se non altro, con IE puoi loggare sui siti di Internet Banking. Cosa che non spesso non rientra nelle doti di Chrome. Se poi all’avvio del vostro browser aprite 44 schede contemporaneamente, cosa sicuramente comune, è probabile che Chrome sia circa 2 secondi più rapido di IE (su 12/13, mi pare). La rapidità di elaborazione (caricamento script, rendering etc) è superiore in IE per alcune cose, in Chrome per altre. Durante la normale navigazione, non si nota assolutamente la differenza tra i due motori. Non c’è motivo di scartare IE, anzi.

Mozilla Firefox. Ne abbiamo anche per Firefox. Benché le prestazioni siano più basse rispetto a Chrome e IE, si difende sotto tutti gli aspetti, ed è molto stabile. Il che lo rende ideale per sviluppatori web e navigatori “avanzati”.

Hai un computer “anzianotto”, con poca RAM? Non fare l’errore di mettere Chrome, se non vuoi che ti si impianti tutto!! Chrome ha una gestione della memoria che lascia a desiderare. Se apri 3/4 schede, boom. Meno male che hanno inserito la funzionalità per il ripristino della sessione. Meglio IE9, passi IE8, o andate sul sicuro, il buon Firefox non delude.

Adblock Plus: è una delle scuse più accreditate tra i “cool”. Togliendo le pubblicità dal browser si sentono invincibili, laddove arrecano danni ai gestori dei siti, che tirano avanti grazie agli introiti delle pubblicità stesse. Tralasciando questo fatto, le pubblicità non sono piacevoli, ma anche Firefox ha l’Adblock Plus. Ora, perché perdersi nell’installare un plugin sul proprio browser, quando IE lo ha già? Purtroppo, questa fantastica funzionalità, chiamata “Protezione da monitoraggio”, già integrata in IE, inspiegabilmente poco sponsorizzata, è sconosciuta ai più. E ancora: Protezione da monitoraggio si basa proprio sulla lista di blocco di Adblock Plus (e su altre liste). Inoltre, IE è capace di capire, in base ai siti che visitate più frequentemente, quali pubblicità incontrate, e bloccarle automaticamente.

Filtro SmartScreen. Forse non saprete nemmeno cosa sia. E’ un filtro preinstallato in IE che controlla ogni file che scaricate alla ricerca di software dannoso e virus. Anche Firefox e Chrome hanno utility simili, ma SmartScreen per IE ha prestazioni elevate e il miglior tasso di rilevamento.

Il vostro sito direttamente sulla barra di Windows. Esclusiva IE. Una foto parla più di mille parole 🙂

IE

Sincronizzazione dei preferiti tra più dispositivi. Probabilmente gli autori dei plugin di sincronizzazione hanno letto i benchmark. Io non ho necessità di sincronizzare i preferiti, condivido tutto via SkyDrive o email, ma ho letto in giro che plugin con simili funzionalità esistono anche per IE.

Posso “colorare” le barre di navigazione di Chrome e Firefox!! Avete vinto, IE ha un discreto stile, ma no, non ci posso mettere i fiorellini colorati.

Se volete commentare o discutere dell’articolo, siete i benvenuti (davvero, la discussione è sempre costruttiva). Pensate razionalmente al perché avete effettivamente scelto un browser.